5 PILASTRI PER UNA LEADERSHIP INNOVATIVA

Untitled Design (56)

Come la Gen Z ci ispira a migliorare la vita in azienda e non solo

Esiste oggi un concetto univoco e universalmente riconosciuto di leadership oppure qualsiasi tentativo di definizione è ormai limitante e obsoleto?

Possiamo davvero riassumere in poche frasi la gestione di un mondo del lavoro estremamente complesso e in continuo cambiamento, in cui fino a cinque generazioni diverse convivono all’interno dello stesso ecosistema aziendale?

È possibile continuare a utilizzare il modello classico di comando e controllo, per guidare un team in cui ciascun componente ha esigenze e aspettative diverse?

La Generazione Z - dei nati tra il 1995 e il 2010, che entro il 2030 costituiranno un terzo della forza lavoro - ci sta dicendo a gran voce che un approccio gerarchico e statico è ormai impensabile.

Ecco i 5 temi principali su cui riflettere per costruire un nuovo modello di leadership, che porti con sé una qualità di vita - in azienda e fuori - decisamente migliore.

 

  1. Work-life balance: tra libertà e responsabilità

Da sempre definiti pigri e svogliati, i ragazzi della Gen Z chiedono una vita lavorativa meno totalizzante, che lasci spazio a interessi, passioni e relazioni sociali. Come può un leader far combaciare questa esigenza con periodi di picco lavorativo? È ormai prassi l’adozione di soluzioni lavorative flessibili. Le aziende più evolute, infatti, danno già la possibilità di lavorare in maniera smart, secondo il concetto di “freedom of responsibility”: il leader responsabilizza i membri del suo team, attraverso percorsi di coaching (come approfondiremo nel paragrafo 3), affinché siano in grado di portare a termine le proprie attività entro le deadline prestabilite e in modo efficace, fuori dai vincoli degli orari standard.

 

  1. Benessere fisico e mentale: una leadership sociale

Strettamente legato al punto 1 - work-life balance, oggi l’obiettivo principe non è più l’iper-produttività lavorativa, bensì è fondamentale perseguire e alimentare in primis il proprio benessere fisico e mentale, che porterà poi a una resa migliore anche sul lavoro.  Proprio perché lo smartworking è sempre più in aumento, come può un team leader assicurarsi tale equilibrio? Promuovere momenti di socialità “dal vivo” è essenziale, utilizzando luoghi appositamente adibiti dall’azienda allo svago o alla semplice comunicazione tra colleghi. Intervallare tali momenti a intensi flussi di lavoro comporta un miglioramento della produttività e del benessere del team.

 

  1. Empatia: il leader-coach

Nel nuovo ambiente che si viene a creare grazie ai consigli di questo articolo, non c’è più spazio per figure manageriali distanti e dispotiche, che adottano un approccio gerarchico e fatto di azioni top-down. Il nuovo empathy-based management vede il leader come un coach, che guida i dipendenti in un’esperienza quotidiana di continuo miglioramento, in cui si fa facilitatore dei processi di apprendimento e non mero risolutore di problematiche emerse. Il suo obiettivo è quello di creare un ambiente totalmente “sicuro”, dove l’errore viene visto come un momento per imparare e il “finger-pointing” contro il singolo è assolutamente proibito.

 

  1. Coinvolgimento: l’opinione di tutti è fondamentale

In un ambiente votato al benessere dei dipendenti, non è più possibile imporre compiti dall’alto senza un’adeguata contestualizzazione: ognuno deve sentirsi incluso, capire perché ciascuna task gli viene affidata e avere chiaro l’obiettivo finale del proprio lavoro. Al manager si chiede una comunicazione più coinvolgente e soprattutto un ascolto attivo: proprio per questo lo strumento del feedback è sempre più utilizzato in ogni momento della giornata lavorativa e in ogni direzione. La Gen Z d’altronde è nata e cresciuta con la diffusione del Web, che si espande in orizzontale, e non può far altro che rifiutare le gerarchie a favore di una leadership diffusa e condivisa, in cui il punto di vista di ogni risorsa è fondamentale per raggiungere gli obiettivi in team.

 

  1. Evoluzione: verso la self leadership

In questo mondo tecnologico in cui tutto diventa obsoleto in un battito di ciglia, non è più possibile pensare di mantenere statico l’ambiente lavorativo. Secondo un concetto di self leadership il singolo individuo può e deve prendere l’iniziativa per migliorarsi e trasformare gli ostacoli insiti in ogni cambiamento in opportunità.  In sintesi, quello che si chiede ai leader non è di essere “reattivi” a ciò che succede all’esterno, bensì “proattivi”: se nel primo caso semplicemente ci si adatta, nel secondo ci si evolve.

 

Come abbiamo visto, gli spunti che la Gen Z ci sta dando sono molteplici. È fondamentale comprendere che non si tratta di cambiare l’approccio tradizionale per accontentare le esigenze dei giovani: una leadership più flessibile e diffusa è ormai imprescindibile per rendere l’ambiente lavorativo più favorevole e produttivo, che risponda alle necessità di tutte e 5 le generazioni che possono potenzialmente conviverci.

Su questo tema BOOM, sin dalla sua nascita, ha colto la necessità dei giovani, ma soprattutto dei manager presenti oggi in azienda, e ha sviluppato percorsi formativi e di affiancamento per supportare le aziende che hanno deciso di non rimanere ancorate al passato e cambiare, lavorando per formare i leader del futuro!

Più recenti

Foto Di Gruppo IFAB

IFAB 4 Next Generation Talents

Evento di Premiazione dei progetti in BOOM

LEGGI TUTTO
Immagini Scaricate 2024 06 20T123237.224

PenskeCars Talent Day 2024

Un evento di employer branding con oltre 40 giovani talenti partecipanti!

LEGGI TUTTO
Untitled Design (9)

FITSTIC Project Works

Ragazzi e ragazze di FITSTIC si mettono alla prova lavorando in team a prodotti innovativi

LEGGI TUTTO